Paradisi Fiscali Conti Banche e Società Offshore

Informazioni e notizie su Paradisi Fiscali, Conti Offshore, Società Offshore e Strategie di Pianificazione Fiscale Internazionale

Tutto sui Paesi dove si pagano meno tasse nel mondo.
Aprire un'attività, un conto, una fondazione, un trust, un holding e costituire un impresa nei Paradisi Fiscali e Giurisdizioni più attraenti per tassazione, finanziamenti. sviluppo e stabilità economica.


Risultati della ricerca per: le tasse in ungheria

Investire in Europa dell’Est ed Estrarre Dividendi, Royalties Esenti da Tasse

Molte persone stanno ora cercando di fare affari o investire in Europa dell’Est,
che sta avendo un periodo di crescita economica e sviluppo.
Naturalmente la preoccupazione principale sarà estrarre contanti al netto delle tasse o pagare il meno possibile di tasse in questi paesi particolarmente dove si sta utilizzando una società locale per la pianificazione fiscale o ragioni normative.
Quindi le ritenute sui dividendi e interessi dei paesi dell’est europeo sono problemi importanti.

Una scelta popolare è quella di creare una società offshore a Cipro, che ha dei trattati di doppia imposizione fiscale con la Bulgaria, Repubblica Ceca Repubblica, Ungheria, Polonia, Romania, Russia.
Questi trattati sono abbastanza insoliti nel senso che sono alcuni dei pochi trattati dei quali i paesi dell’Europa orientale hanno con un paradiso fiscale.

I benefici di Cipro sono ormai noti, e questo è quindi un altro motivo per cui e’ ideale aprire una società offshore a Cipro come veicolo per estrarre dividendi, interessi e royalties provenienti dai paesi dell’est Europa con una tassa minima da pagare.
Gli accordi fiscali che Cipro ha con questi paesi spesso sono di una ritenuta dello 0% che, combinato con le tasse basse di Cipro si crea un sistema altamente efficace.

Paradisi Fiscali:

Lista Paesi Dove si Pagano Meno Tasse per le Imprese

Classifica dei Paesi con meno tasse sul reddito per le imprese.

Estonia 0% sul profitto trattenuto in azienda; il 21% quando il profitto conseguito viene distribuito agli azionisti

Emirati Arabi 0%

Isole Marshall 0%

Isole Turks e Caicos 0%

Isole Vergini Britanniche 0%

Bahamas 0%

Bahrain 0%

Bernuda 0%

Isole Cayman 0%

Albania 10%

Bulgaria 10%

Cipro 10%

Gibilterra 10%

Macedonia 10%

Paraguay 10%

Mongolia 10%

Qatar 10% (tariffe diverse per le aziende operanti nel settore del petrolio / gas). Partner del Qatar non sono tenuti a pagare alcuna imposta sulla loro quota di profitti

Bosnia e Herzegovina 10%

Kuwait 10%

Andorra 10%

Canada 11% – 15% federale + 0%-16% provinciale

Macau 12%

Oman 12%

Liechtenstein 12,5%

Georgia 15%

Lettonia 15%

Mauritius 15%

Serbia 15%

Lituania 15%

Romania 16%

Hong Kong 16,5%

Singapore 17% 19%

Taiwan 17%

Kazakhstan 17,5%

Bielorussia 18%

Algeria 19%

Polonia 19%

Repubblica Ceca 19%

Ungheria 19% e 10%

Armenia 20%

Cile 20%

Croazia 20%

Egitto 20%

Islanda 20%

Turchia 20%

Russia 20% (13% per le PMI, 0% per le industrie di istruzione e sanità), 6% per le piccole imprese

Thailandia 20% – 30%

Puerto Rico 20%

Yemen 20%

Svezia 22%

Slovacchia 23%

Brunei 23%

Regno Unito 21%

Finlandia 24,5%

Austria 25%

Barbados 25%

China 25%

Iran 25%

Malesia 25%

Panama 25%

Portogallo 25%

Senegal 25%

Trinidad and Tobago 25%

Vietnam 25%

Ucraina 25% (dal 1 Aprile 2014) 16%

Indonesia 25%

Danimarca 25% (2014:24% 2015:23% 2016:22%)

Svizzera 25% – 23%

Irlanda 25% – 12,5% – 10%

Paesi Bassi 25% – 20%

Grecia 22% – 25%

Nuova Zelanda 28%

Norvegia 28%

Sud Africa 28%

Aruba 28%

Lussemburgo 28%

Repubblica Domenicana 29%

Germania 29,8 media

Cuba 30%

Nuova Caledonia 30%

Peru 30%

Filippine 30%

Tanzania 30%

Tunisia 30%

Uruguay 30%

Costa Rica 30% (10% o 20% per le piccole imprese)

Australia 30%

Burkina Faso 30% – 10%

Spagna 30% – 25%

Messico 30% – 28%

Giordania 30% -24% – 14%

El Salvador 30% – 25%

India 30%

Marocco 30%

Guatemala 31%

Colombia 33%

Giamaica 33,3%

Francia 33,33%

Principato di Monaco 33.33% se più del 25% del fatturato della società è generato al di fuori di Monaco. In caso contrario, le imprese non pagano alcuna imposta diretta sui loro profitti. Dopo varie deduzioni consentite, questo si traduce in un tasso di imposta sulle società effettiva di sotto 6%

Belgio 33,99%

Brasile 34%

Venezuela 34% – 22% – 15%

Angola 35%

Argentina 35%

Benin 35%

Barubdi 35%

Pakistan 35%

Gabon 35%

Zambia 35%

Sri Lanka 35% – 0%

Siria 35% – 28% – 22%

Giappone 38,01%

Camerun 38,5%

Bangladesh 40% – 0%

Nepal 5%

Malta 6.25%-0% aliquota fiscale effettiva grazie al sistema di credito d’imposta, ai seguenti crediti e rimborsi

Maldive 15% – 0%

Uzbekistan 9%

Montenegro 9%

Stati Uniti 0%-39% federale + 0%-12% statale + 0%-3% locale

Italia 31,4%

Paradisi Fiscali:

Paradisi Fiscali Europa dell’Est

Paradisi Fiscali Europa dell’Est

Forse non sono la prima scelta dei paradisi fiscali, ma i paesi dell’Europa dell’est valgono la pena di essere conosciuti data la rapida crescita economica e il diluvio di investitori alla ricerca di proprietà.

Molti Stati del Europa orientale riscuotono quello che è conosciuto come un’imposta forfettaria. 

Questa è forse la più semplice di tutte le tasse e come tutti i redditi è tassato allo stesso tasso.

Il pensiero è che, se il tasso è fissato basso abbastanza, l’economia in nero si restringerà – con conseguente maggiore raccolte fiscale rispetto a prima.

Detto questo, ci sono solo un paio di Stati dell’ Europa dell’ Est che offrono trattamenti fiscali bassi quanto molti dei paradisi fiscali. 

Sotto ci sono i tassi di imposta sul reddito di alcuni dei paesi dell’est europeo:

Estonia  22%

Lettonia 25% 

Lituania 27%

Serbia 14%

Ucraina 15% 

Kirghizistan 10% 

Slovacchia 19%

Romania 16% 

Russia 13%

Ci sono anche i paesi dell’Europa dell’Est dove il prelievo fiscale e’ su una normale «base progressiva». (In altre parole, più si guadagna, più in alto e’ l’aliquota d’imposta

Così paesi come l’Ungheria possono avere tassi fiscali fino al 36%, Croazia fino al 45% e la Bosnia fino al 10%.

In base a quanto sopra, gli Stati con bassi tassi fiscali sono solo Russia, Ucraina e potenzialmente, Romania. 

In termini di guadagni in conto capitale, la maggior parte di questi Stati li classifica come guadagni di reddito supplementare, tuttavia ci sono alcune regole specifiche, soprattutto in relazione alla cessioni di terreni e proprietà, che vale la pena di ricordare. 

Per gli investitori di proprietà offshore in erba che vogliono fare profitti nei mercati emergenti.

La Croazia ha alti tassi di imposta sul reddito e tasse sulla terra a un tasso standard del 35%. 

Tuttavia, c’è un’esenzione fiscale se la proprietà è residenza principale o se voi l’avete posseduta per almeno tre anni.

Anche la Russia classifica i guadagni dalla vendita di proprietà o terreni come reddito supplementare (che sarebbero assoggettati all’aliquota di imposta sul reddito del 13% per i residenti) ma si esonerano completamente i  guadagni se hai la proprietà per almeno tre anni.

La Slovacchia esenta i guadagni sulle case se la proprietà è sia residenza principale (per almeno due anni) o se si possiede la proprietà per almeno cinque anni.

La Lituania esenta le proprietà lituane, se si possiedono per almeno tre anni.

La Russia e la maggior parte dei paesi dell’est Europa non hanno nessuna imposta di successione. 

Pertanto, sul lato dei vantaggi, la Russia sembra buona in termini di basse aliquote complessive e per i guadagni su proprietà. 

Come con la maggior parte degli Stati dell’Europa orientale, la Russia adotta il metodo usuale di determinare lo stato di residenza.

Chiunque in realtà e’ in Russia per più di 183 giorni nell’anno civile è considerato un residente a fini fiscali. 

È necessario quindi compilare una dichiarazione dei redditi russa.

Ingresso da e verso la Russia è molto strettamente controllato e si avrebbe bisogno di farti un visto da un ambasciata russa. 

Esistono diversi tipi di visto (visti turistici, visti d’affari ecc) e ogni visto avrà diverse condizioni di qualificazione e permettono di trascorrere un periodo specifico in Russia. 

Con le nuove disposizioni sul visto introdotte nel 2007, ora è molto più semplice e ci sono un certo numero di aziende on line che organizzano il tutto.

Il visto d’affari è in genere preferibile come questo permette di trascorrere fino a 12 mesi nel paese.

Al fine di vivere lì su una base semi-permanente è necessario ottenere un permesso di soggiorno. 

Questi sono difficili da ottenere, a meno che non siete nati in Russia o sposati con un cittadino russo. 

Il primo passo sarebbe quello di ottenere un visto temporaneo, che poi può essere aggiornato a visto permanente.

Tutto sommato, se si cerca di entrate in un’economia in via di sviluppo, la Russia può essere un’opzione e le tasse basse sarebbero un ulteriore bonus.

Paradisi Fiscali:

Articoli Paradisi Fiscali

Paradisi Fiscali, Conti Correnti e Società Offshore

Dove Costituire una Società Holding

Vantaggi di Costituire una società holding in Danimarca Tra i migliori posti dove costituire una società holding c’è la Danimarca che tra i suoi vantaggi ha il fatto di essere parte dell’Unione europea e quindi soggetta alla direttiva società madri e filiali dell’Unione Europea. Quindi, le Holding danesi che controllano almeno il 25% delle azioni […]

San Marino Non è più un Paradiso Fiscale Rimosso dalla Black List dall’Italia

San Marino non è più un paradiso fiscale, infatti, tramite un decreto è stato tolto dalla black list italiana cioè la lista nera dei paesi che Italia considera paradisi fiscali. Il Ministero dell’economia e delle finanze ha reso noto che il governo italiano aveva riconosciuto la volontà di San Marino di essere rimosso dalla lista […]

Usare una Società Offshore come Prestanome per Proteggere la Privacy

Usare una società offshore per proteggere la propria privacy o per ri-fatturazione è uno degli usi comuni per le società offshore. Interporre, una società offshore come prestanome non è veramente in sé un’opzione di risparmio fiscale, anche se i benefici sulla privacy significherebbe che si potrebbe essere usata insieme con altre strutture di pianificazione fiscale. […]

Società Holding Svizzera Tassazione e Vantaggi

Quando si cerca di costituire società offshore in paesi esenti da tasse, è importante considerare se la giurisdizione delle società holding ha disposizioni particolari applicabili ai dividendi dei paradisi fiscali. Tra le migliori giurisdizioni in tal senso è da tener presente per costituire un holding la Svizzera. Le società svizzere sono tassate sul loro reddito […]

I Migliori Paradisi Fiscali Raccolgono più Investimenti di Brasile e India

A chi pensasse che ormai i paradisi fiscali fossero verso la fine potrebbe ricredersi presto. Infatti, secondo le Nazioni Unite il solo paradiso fiscale delle Isole Vergini britanniche ha ottenuto più investimenti esteri lo scorso anno delle economie emergenti più forti del momento come Brasile e India. Le Isole Vergini britanniche sono un arcipelago dei […]